Letture. Shoah

Campo di concentramento

LIBRI IN CLASSE

Sopravvissuta ad Auschwitz. Liliana Segre, testimone della Shoah di Emanuela Zuccalà
Storia senza perdono di Walter Barberis
Il caso Kaufmann di Giovanni Grasso
Atlante della Shoah 1939-1945 di Georges Bensoussan
Le radici antisemitiche dell’Occidente. Dall’antigiudaismo alla personalità autoritaria di Marta Villa
Diari a confronto: Anna Frank Etty Hillesum di Enzo Romeo
Ad Auschwitz ho imparato il perdono. Una storia di liberazione di Eva Mozes Kor
Ordinaria amministrazione. Gli ebrei e la Repubblica sociale italiana di Matteo Stefanori
Non restare indietro di Carlo Greppi

Lino Valentini

Sopravvissuta ad Auschwitz. Liliana Segre, testimone della Shoah

Autore: Emanuela Zuccalà
Editore: Paoline Editoriale Libri, 2019
Pagine: 176

Il libro

La nuova ed aggiornata edizione del libro narra in prima persona la testimonianza di Liliana Segre (Milano, 1930), una delle ultime voci sopravvissute ad Auschwitz. Il racconto «scaturito dall’ascolto delle sue conferenze e conversazioni private» fluisce lucido e pacato, ricostruendo la sua storia di «bambina ad Auschwitz», dalla promulgazione delle leggi razziali fasciste del settembre del 1938 fino «all’ubriacatura di libertà» del 1 maggio 1945, con l’apertura del lager di Malchow. È la testimonianza del traumatico passaggio di una bimba di otto anni, con «una vita tranquilla e felice nel microcosmo familiare», prima nella «zona grigia dell’indifferenza», colpevole senza colpa d’essere ebrea, poi catapultata nell’annientante esperienza della carcerazione e della deportazione. Ed è proprio il viaggio (30 gennaio 1944) uno dei capitoli più terribili della storia. Sei giorni di pianti, preghiere e silenzi in un’atmosfera surreale, anticamera dell’annichilimento. Il 6 febbraio 1944 Auschwitz si presenta nella sua crudezza, ottenebrando il cuore e la mente. Qui la differenza tra il vivere e morire è scandita da un ossessivo «Tu sì, tu no». In seguito si rincorrono la straziante quanto indimenticabile separazione dal padre, l’annullamento dell’identità personale, la riduzione a «numeri e pezzi», gli stenti, le strategie per sopravvivere, «la marcia della morte»: frammenti di disumanità raccontati sempre con una finalità pedagogica, senza odi né rancori. Perché tutto questo? è il grido che risuona forte dalla prima all’ultima pagina, grido al quale le nostre coscienze ancora oggi non possono sottrarsi e smettere d’interrogarsi.

La scheda didattica

1. Liliana Segre, per quarantacinque anni, dal 1945 al 1990 ha preferito, per libera scelta personale, tacere sulla sua esperienza di deportata e internata per poter ricostruire le fondamenta della sua vita, per poi decidere di diventare - soprattutto nei confronti delle nuove generazioni - testimone del dramma dello sterminio. Al fine di sviluppare le abilità di collegamento e rielaborazione, l’insegnante può condurre gli studenti a confrontare l’atteggiamento di iniziale silenzio e rimozione e poi di attiva testimone della Segre con qello di altri autori che hanno vissuto e narrato la loro esperienza nei campi di sterminio, ad esempio, Marek Edelman, Eva Mozes Kor, Elie Wiesel e lo stesso Primo Levi. Gli alunni possono esprimere infine un giudizio critico sul tema, mettendo in luce, in particolare modo, la forte lacerazione interiore vissuta dai testimoni, divisi tra un angoscioso ma necessario silenzio per ricominciare a vivere e la consapevolezza del valore della memoria come strumento di formazione e crescita personale, sociale e civile.
2. Nel libro della Segre, la memoria è vista come un potente antidoto al “grigiore dell'indifferenza” e un valido laboratorio per la costruzione del senso della responsabilità civile. Si può proporre alla classe, per gruppi o in un lavoro individuale, di commentare questa affermazione e sostenerla con argomentazioni personali.
3. Un possibile ulteriore spunto di ricerca, da sviluppare singolarmente o in piccoli gruppi di lavoro, risulta essere l’utilizzo del portale del Memoriale della Shoah di Milano - e una eventuale, quando possibile, visita guidata al sito - per scoprire storie di altre sopravvissute, tra le quali quella di Goti Bauer, partite dal famigerato Binario 21 verso gli orrori di Auschwitz- Birkenau. Meritevole d’approfondimento, per continuare a sviluppare e dibattere il tema della Memoria, è la sezione del portale dedicata alle “pietre d’inciampo”, iniziativa creata dall’artista Gunter Demnig, come «reazione ad ogni forma di negazionismo e di oblio».

Storia senza perdono

Autore: Walter Barberis
Editore: Einaudi, 2019
Pagine: 96

Il libro

L’autore, docente di Storia moderna all’Università di Torino, con il suo ultimo lavoro stimola i lettori ad una riflessione argomentata sul problematico ruolo dell’attivazione della memoria nel costruire e scrivere la storia della Shoah. Il testo breve e penetrante pone come premessa indispensabile ad ogni analisi critica su tale tematica la distinzione, non banale, tra ricordo, memoria e storiografia. I primi due, usati spesso come sinonimi, vengono legati ad un groviglio di immagini emotive e soggettive, a volte distorto e precario; la storiografia invece ad una ricostruzione documentata di eventi verificati, capace di produrre “buona storia”. Successivamente Barberis s’interroga sui motivi per cui dopo la fine della Seconda guerra mondiale ha prevalso a lungo l’oblio sui temi della Shoah, emarginati rispetto al racconto nazionale della vittoriosa lotta di Liberazione dal totalitarismo fascista, mentre negli ultimi anni, al contrario, assistiamo in alcuni casi ad un enfatico abuso del Giorno della Memoria. Come si spiega questa inversione d’atteggiamento? Il libro ricostruisce così le più significative tappe della scrittura della Shoah, dalla travagliata rottura del silenzio iniziale da parte di Primo Levi, all’importanza del valore terapeutico del raccontare, passando poi attraverso la sempre maggiore consapevolezza storica diffusasi nella società sui temi delle origini dell’antisemitismo e del razzismo, fino ai rischi, diventati oggi concreti, di ridurre gli eventi a puro e formale cerimoniale del ricordo. Sullo sfondo permane lo scottante interrogativo: cosa «consegnare di autenticamente formativo alle nuove generazioni», inondate di informazioni senza verifica, una volta scomparso anche l’ultimo testimone?

La scheda didattica

1. Tra le molteplici questioni poste da Barberis merita un approfondimento – ad esempio, tramite lo sviluppo per iscritto di una traccia di tipo storico-filosofico - la domanda, posta inizialmente da Primo Levi, se «la tragedia della Shoah, visto che è successa, avrebbe di nuovo potuto succedere, magari in condizioni e luoghi diversi». Riflettere su questo interrogativo, prendendo spunto da ricerche di fatti di cronaca riguardanti il continuo ritorno di inquietanti episodi d’antisemitismo e di negazionismo, può essere utile per dare profondità al presente. Scopo del lavoro è guidare la classe nella lettura e interpretazione degli avvenimenti in maniera problematica. L’insegnante può sollecitare gli studenti, partendo da episodi d’attualità narrati dai mezzi d’informazione, a formulare motivate opinioni sui temi affrontati, fondate non su impressioni emotive ma su un adeguato “spessore” storiografico.
2. Un altro possibile suggerimento di ricerca può essere la lettura di alcune testimonianze significative dal processo di Norimberga (novembre ‘45 – ottobre ‘46), che permise di iniziare a rompere il silenzio sulla Shoah, reperibili sul sito United States Holocaust Memorial Museum. A questo proposito può anche essere utile ai fini della ricerca la visione del film Nuremberg (2000). Confrontare alcune documentazioni con il successivo processo al criminale nazista Adolf Eichmann (Gerusalemme 1961), magistralmente raccontato al mondo da Hannah Arendt nel libro La banalità del male (prima edizione 1963), può diventare un interessante percorso laboratoriale capace di intrecciare documentazione storiografica e testimonianze dei protagonisti.

Il caso Kaufmann

Autore: Giovanni Grasso
Editore: Rizzoli narrativa, 2019
Pagine: 382

«Vedrete, prima o poi ci vieteranno persino di ridere», questa frase pronunciata dal giovane ebreo Salamon, nella Norimberga del 1933, da poco governata dai nazisti, fa da preludio e profezia a Il caso Kaufmann. Il romanzo, ispirato ad una storia vera, ricostruisce con lucidità e pathos, il crescendo di discriminazioni e violenze naziste contro la comunità ebraica, a partire dall’arianizzazione della pubblica amministrazione del ‘33 fino alla soluzione finale del ‘41. Al centro del racconto c’è la figura di Kaufmann Israel Lehmann, detto Leo, sessantenne facoltoso commerciante ebreo, rimasto vedovo, presidente del Centro culturale ebraico di Norimberga le cui vicende personali s’intrecciano e fondono con l’ascesa di quel groviglio purulento di odi, risentimenti e folli ambizioni che caratterizzano la presa di potere nazista. La vita di Leo, sempre più umiliato e immiserito, è una drammatica testimonianza di questa parabola discendente verso un doloroso svuotamento della sua dignità di uomo, che lo fa regredire alla condizione di un «vivere da morti». Accusato e processato per «inquinamento razziale» a causa di una fantomatica relazione sessuale con Irene, giovane tedesca figlia di un carissimo amico, Leo, ebreo «pieno» secondo la definizione delle leggi vigenti di Norimberga, rimane vittima di un sistema giudiziario sprezzante di ogni forma di diritto, ma forse, ancora di più, viene ucciso dalle crudeli e opportunistiche maldicenze di vicini di casa, dipendenti, amici, gente comune: il tanto glorificato Volk. E proprio nel nome del popolo tedesco, la sentenza è già scritta. Lasciamo al lettore di conoscerla nei dettagli. Quello che vale la pena sottolineare è che se la vita di Leo si chiude in modo triste, uno spiraglio di cielo s’intravede al di là delle inferriate della sua prigione: il tentativo nazista d’estirpare ogni traccia d’umanità dall’anima delle persone non avrà la meglio. Tra le righe dell’intenso epilogo riemerge insopprimibile il desiderio di ridere, amare, dissentire e guardare avanti, che nessun sistema di terrore, per quanto liberticida e violento, potrà mai negare. Così come è possibile anche riflettere, nel finale del libro, sul tema delle responsabilità e delle colpe naziste. Una volta accertate e giudicate penalmente le responsabilità criminali e politiche, rimane sempre aperto, come scrisse il filosofo tedesco Karl Jaspers (1883 – 1969), il problema delle colpe morali e metafisiche. E l'interrogarsi oggi, sul come allora non fu possibile per la stragrande maggioranza delle persone rimanere umani, inquieta e angoscia ancora le nostre coscienze.

Atlante della Shoah 1939-1945. Edizione illustrata

Autore: Georges Bensoussan
Editore: Libreria Editrice Goriziana, 2018
Pagine: 203

Manuale indispensabile per ogni docente, questo Atlante presenta la storia dello sterminio di 6 milioni ebrei europei tra il 1933 e il 1945 in una nuova prospettiva di grande valore formativo. Infatti, come ricorda l’autore, storico francese contemporaneo, presentare la Shoah mediante la cartografia permette di analizzare i problemi con «un’angolazione diversa», evidenziando i nessi e gli intrecci tra i luoghi-chiave, le modalità, l'estensione, la demografia e la cronologia del genocidio e stimolando così una feconda relazione tra lo studio della storia e quello della geografia. Proprio questo aspetto risulta essere uno degli elementi di più valida applicazione didattica del libro, in quanto accende lo spirito d’osservazione e sprona le capacità d’intuire collegamenti e rimandi tra mappe ed eventi storici nel lettore, sviluppando un approccio attivo e operativo alle conoscenze. Il testo è strutturato in quattro capitoli che ricostruiscono cronologicamente la genesi e le radici dell’antisemitismo prima del 1939, il passaggio dall’universo concentrazionario allo sterminio di massa nella Germania nazista nel triennio 1939–1941, dopo l’invasione della Polonia, e la radicalizzazione verso il genocidio su scala continentale con la “soluzione finale” del 1942 e la liquidazione dei ghetti, vera e propria «fabbrica per la macellazione di esseri umani». L’ultimo capitolo è dedicato, dopo il crollo del Terzo Reich, a cercare di stilare un bilancio del genocidio non definibile né misurabile - secondo l’autore - in cifre spazio-temporali, in quanto nessuna statistica e nessuna rappresentazione cartografica e quantitativa possono rendere conto dell’immenso e profondo dolore di «tutte le vite stroncate individualmente». In conclusione, Bensoussan non si limita ad evidenziare, con interessanti e originali carte, l’unicità e l'estensione del genocidio, a fare riflettere sulla collaborazione di milioni di europei e la colpevole indifferenza di un numero ancora maggiore, ma intende far comprendere che la Shoah non fu un nuovo ed ennesimo massacro della storia umana, poiché nei lager non morirono solo bambini, donne e uomini, ma la «nostra stessa essenza di esseri umani».

Le radici antisemitiche dell’Occidente. Dall’antigiudaismo alla personalità autoritaria

Autore: Marta Villa
Editore: Stamen, 2018
Pagine: 196

Il libro, con prefazione di Giorgio Galli, si propone come obiettivo principale quello d’indagare «il perché si sia sviluppato e del perché continui a perdurare» il morbo dell'antisemitismo, dall’impero romano ai giorni nostri, studiando in special modo, non tanto le radici politico-ideologiche del fenomeno, ma quelle antropologiche e simboliche. L’autrice, antropologa della contemporaneità, ripercorre la storia della costruzione dell'identikit dell’ebreo inteso come “diverso” e “nemico”, scavando in profondità, negli archetipi e nelle leggende costitutive e fondative della mentalità occidentale. Dall’immagine dell’ebreo perseguitato come uccisore di Cristo e imputato di deicidio, dominante in età medievale, fino allo stereotipo dell’ebreo come essere subumano, mostro infido, repellente e corruttore, prodotto ad arte dalla propaganda nazista, il libro evidenzia come l'antisemitismo non sia stato un elemento contingente ed accidentale, ma un tratto essenziale nella storia dell’Occidente con conseguenze nefaste e indelebili. L’ebreo, attraverso una polimorfa serie di rappresentazioni irreali alimentate da dicerie e pregiudizi, si fa metafora dell’errante senza pace e patria (Aasvero), dello strozzino miscredente nella figura di Shylock del Mercante di Venezia di Shakespeare o incarnazione dell’alienazione e della mercificazione capitalistica nell’interpretazione di Marx. In ogni caso, nell'immaginario collettivo l’ebreo rappresenta il topos dell’alterità irrisolvibile, estranea e non assimilabile, che suscita paura e odio come nella favola di Grimm (L’ebreo nello spineto). Nel secondo capitolo del libro, non mancano validi spunti educativi per analizzare e riflettere sulla manipolazione e falsificazione della memoria ad opera dei sistemi totalitari e dell’industria culturale e per affrontare i temi del radicamento dell’antisemitismo nella personalità autoritaria massificata e incapace di spirito critico ed autonomia di giudizio. Un’ interessante appendice, per i suoi possibili risvolti didattici, illustra e commenta i risultati di un questionario qualitativo, elaborato da Adorno e dai colleghi all’Università di Berkeley sul tema dell'antisemitismo e riproposto dall’autrice a selezionati gruppi di persone della città di Monza nel 2002.

Diari a confronto: Anna Frank Etty Hillesum

Autore: Enzo Romeo
Editore: Ancora, 2017
Pagine: 192

Straordinaria testimonianza del drammatico intreccio tra le vicende personali e i grandi eventi della storia mondiale, il libro Diari a confronto: Anna Frank Etty Hillesum ci coinvolge, pagina dopo pagina, nella tragedia della Shoah, grazie ad un’accurata selezione antologica. In uno dei periodi più feroci e velenosi della storia, la mancanza di odio e rancore di queste due ragazze (Anna ha 13 anni, Etty 27 quando iniziano a tenere i rispettivi diari) è la cifra che impressiona e sorprende, muovendo l’animo del lettore a una profonda riflessione. Quello che traspare dai diari è una radicata fiducia nella vita che si spinge oltre ogni clausura e negatività e mai s’arresta - come scrive la Hillesum - nel voler ostinatamente «produrre frutti e fiori in qualunque terreno si siano piantati». L’autore, scrittore e giornalista Rai, individua una serie di tematiche significative: l’amore e l’amicizia, anima e interiorità, antisemitismo e Shoah, le aspettative sul futuro, per concludere con “vita e morte”, comparando, in ordine cronologico, passi dei diari delle due scrittrici e lasciando libero il lettore di trovare possibili chiavi interpretative e spunti d’analisi, sia psicologico-esistenziali che storiche. Uno dei più interessanti fili conduttori dei diari è il ruolo della scrittura capace d’«espandere il cuore», superare gli angusti e solitari spazi chiusi dell’io ed aprirsi al dialogo, creando energia condivisa: l’amore e l’amicizia diventano così gli autentici propulsori della voglia di raccontarsi e lasciare una traccia. Infatti, per quanto lo spazio vitale si riduca sempre più e i bei tempi sembrano finire, oscurati e annichiliti dalla barbarie nazista, il dovere scrivere non diventa solo una possibilità per vincere l’oblio, ma una necessità per continuare a parlare di futuro e costruire orizzonti di speranza nella consapevolezza che «ciò che viene è buono». Qui la scrittura si fa invocazione e preghiera caricandosi d’aneliti religiosi e di potenza redentrice, in quanto - ricorda Etty - seppure dure e angoscianti appaiono le lezioni di Dio, necessitano sempre di pazienti allievi, capaci di comprenderle e trasfigurale.

Ad Auschwitz ho imparato il perdono. Una storia di liberazione

Autore: Eva Mozes Kor
Editore: Sperling & Kupfer, 2017
Pagine: 228

L’incontro-intervista di Eva Mozes Kor con il suo carnefice, il sottotenente della SS Hans Munch, medico e collaboratore di Mengele, diventa il preludio della rievocazione della sua deportazione e della sua prigionia. Nella primavera 1944 «la vita molto facile» della decènne Eva e della sua famiglia in un paese della campagna ungherese viene sconvolta dai rastrellamenti della polizia ungherese al servizio dei nazisti e dalla successiva deportazione, attraverso un disumano trasferimento, verso “la rampa degli ebrei” nel lager di Auschwitz-Birkenau, l’inferno in terra. Qui, in poche ore, tra indicibile disperazione, sotto un cielo grigio e spoglio di vita, la sua famiglia si dissolve e con essa la definitiva perdita dell’infanzia di Eva. Solo il suo essere gemella di Miriam rappresenta l’inattesa salvezza dalla morte nella camera a gas e diviene il suo destino di cavia dell’eugenetica criminale di Josef Mengele, alla ricerca della folle moltiplicazione della razza ariana. Inizia così un doloroso calvario di sopravvivenza, di ostinata ribellione all’orrore, di condivisione della sofferenza, di angosciante familiarità con le privazioni, rimanendo sempre tenacemente attaccati alla vita. Resistere, ancora un giorno di più, ad un altro esperimento, era il nome che Eva e Miriam davano alla speranza. Come si può perdonare tutto questo, una volta sopravvissuta? Come liberarsi dall’odio, che giorno dopo giorno, logorava dentro, ancora più delle malattie contratte nel lager?
Nell’occasione del cinquantesimo anniversario della liberazione di Auschwitz, il 27 gennaio 1995, Eva fa visita al campo accompagnata dal suo aguzzino, dottor Munch. È la svolta. Incontrando e riconoscendo l’autentico pentimento del suo carnefice, l’autrice imbocca la strada del perdono e della riconciliazione. Perdonare, per l’autrice, significa ritornare a essere padroni della propria esistenza e non sentirsi più passivi, indifesi, in balia del proprio rancore. Perdonare non significa però dimenticare, cancellare le terribili vessazione subite nel posto orribile. Solo il memore perdono - ci insegna Eva - rende veramente liberi.

Ordinaria amministrazione. Gli ebrei e la Repubblica sociale italiana

Autore: Matteo Stefanori
Editore: Laterza, 2017
Pagine: 225

Nell’imminente drammatico 80° anniversario della promulgazioni delle leggi razziali in Italia, Matteo Stefanori intende approfondire il peso e la diffusione dei sentimenti antisemiti nell’ideologia e nella politica fascista, confutando l’ancora diffuso pregiudizio storiografico che interpreta le leggi razziali come una semplice scimmiottatura dell’ideologia razzista e ultranazionalista nazista. L’autore, giovane ricercatore specializzato in studi sull’antisemitismo, grazie anche alle indagini su originali fonti d’archivio condotte dal Centro di documentazione ebraica contemporanea di Milano (CDEC), analizza la genesi storica, le caratteristiche peculiari, la funzione e l’utilizzo dei «campi di concentramento provinciali per ebrei», approfondendo in particolar modo, la radicalizzazione delle misure repressive dopo l’8 settembre, connesse con la nascita della R.S.I e l’andamento sempre più brutale del secondo conflitto mondiale. Il volume, strutturato in sei capitoli, ricostruisce in maniera chiara e documentata i legami tra l’amministrazione dei campi, l’ideologia fascista e le autorità tedesche naziste, il ruolo di capri espiatori degli ebrei in Italia a causa delle ricorrenti sconfitte militari e l’inquietante estendersi del cono d’ombra della Shoah sul nostro territorio. Non trascura, inoltre, le reazioni delle popolazioni locali alle misure repressive, partendo dall’analisi particolare dei materiali archivistici riguardanti il campo di Vo’ Vecchio presso Padova, caso interessante per comprendere, tra l’altro, singolari storie delle vittime degli internamenti. Non mancano infine considerazioni sul tema delle responsabilità, cercando di delineare e definire il ruolo dei collaborazionisti italiani in questi piani di reclusione, deportazione e annientamento, con il fine di comprendere e trovare seppur problematiche risposte alla domanda che alleggia, come un inquietante fantasma, nel corso della lettura di tutto il libro: perché ci fu e non fu impedita, anche sul nostro territorio, una Shoah?

Non restare indietro

Autore: Carlo Greppi
Editore: Feltrinelli, 2016
Pagine: 224

Cosa significa ricordare ai tempi di Google? Che senso ha la Giornata della memoria per i millennials, nauseati dal passato spiegato a scuola, inquietati dal presente, terrorizzati dal futuro? Che valore ha la dimensione storica per un adolescente cresciuto con i social tra i martellanti slogan del life is now?
Il romanzo di Carlo Greppi ci aiuta ad affrontare queste problematiche. Al centro della storia c’è il quasi sedicenne Francesco, ragazzo come tanti, con le sue insicurezze e aspirazioni, coinvolto, suo malgrado, all’arrivo, a gennaio, nella sua Nuova Scuola, nel progetto “per non dimenticare” della sua professoressa di storia, impegnata nel voler fare degli studenti «militanti della memoria». Il previsto viaggio d’istruzione al campo di sterminio di Auschwitz rappresenta il momento più significativo del progetto e l’aspetto formativo cruciale dell’intero racconto. Auschwitz non è solo il luogo storico-geografico della memoria, «il cuore nero del Novecento», ma un gigantesco e inquietante punto interrogativo che mette in moto mente e cuore e costringe il protagonista a porsi domande importanti sul senso della vita. Auschwitz scuote l’inerzia dello spirito passivo, mette sottosopra il mondo pieno di menzogne e fa germogliare il pensiero che s’interroga sul valore delle scelte, sul significato della libertà personale, sul dramma del soffrire, mettendo a nudo tutta la fragilità umana, ma anche il coraggio del comprendere, rievocando. La scuola, con le sue materie, programmi, pratiche, cronologie e lezioni, non serve a nulla se non aiuta gli studenti a diventare esseri umani; così il viaggio per Auschwitz, tanto temuto da Francesco, diventa solo un cominciamento, un punto di partenza per capire che la Storia è fatta da persone come noi e che ci insegna a guardare avanti. Con ritrovata forza e fiducia.

 

Lino Valentini è docente di Storia e Filosofia al Liceo classico “B. Zucchi” di Monza e formatore in numerosi corsi d’aggiornamento d’informatica e multimedialità finalizzati alla didattica.