Una nuova storia, una nuova casa per crescere insieme

L’evoluzione del marchio LANG

ALTRI TEMI

C’è una grande novità nell’aria: il marchio LANG si rinnova e accoglie a braccia aperte un pinguino.
In questa casa “stretta e arancione”, la casa di tutte le bambine e di tutti i bambini, con finestre che guardano sul mondo, cresceranno insieme L1 e L2.

di Barbara Bacchelli

Quest’anno i progetti 2022 si presentano subito con una grande novità: un nuovo marchio di riferimento per L1 e L2, il rinnovato marchio LANG, la casa di tutti i bambini e di tutte le bambine.
Un marchio rinnovato nello stile, più tondo, più giocoso, e con un piccolo pinguino ospitato nella lettera A, per crescere insieme L1 e L2 e per contribuire, con i nostri libri, servizi e strumenti a costruire una scuola vero luogo di crescita per tutti.

La storia dei libri I Pinguini nasce nel 2012 con la parascolastica e poi nel 2014 con i primi testi ministeriali. Sono tante le novità che abbiamo portato nel settore dell’editoria scolastica e che sono state molto apprezzate da maestre e maestri nel loro quotidiano lavoro in classe. Il marchio Lang ha una storia un po’ più lunga perché nasce nel 1999 per dedicare alle lingue un marchio di riferimento, frutto dell’idea di due editori storici di scolastica come Edizioni Scolastiche Bruno Mondadori e Paravia, un nuovo marchio attivo fino ad oggi in particolare per la L2 nella scuola primaria, e per tutte le lingue moderne per i cataloghi di secondaria.
Le storie di questi marchi sono storie che nascono da una radice comune di grande esperienza e cura editoriale e di grande passione per l’ambito educativo e scolastico, per la scuola e i suoi protagonisti.

Con questo cambiamento abbiamo pensato a tutti i docenti che ci seguono e che forse ci conoscono per l’uno o l’altro marchio e abbiamo voluto rimarcare la nostra casa comune, la nostra identità. Vi invito a vedere la video-filastrocca a cura di Alessia Canducci, bravissima attrice, narratrice, regista e di Monica Gori, illustratrice e grafica, che hanno comunicato in modo incisivo e unico questa grande novità e che cogliamo l’occasione di ringraziare. (LANG: il rinnovato marchio per la Scuola primaria >>)
L’elemento più importante che tiene uniti I Pinguini e Lang e che li fonde, per così dire, è la cultura valoriale dei nostri libri, il terreno di riferimento pedagogico e didattico delle nostre pubblicazioni, dei nostri servizi e strumenti digitali. Tutto questo è rappresentato anche da una redazione unica, con specializzazioni differenti, che dialoga sui temi importanti per la scuola primaria e sui temi trasversali della casa editrice.
Ma cosa c’è dietro ogni libro del rinnovato marchio Lang, che sia di L1 o di L2, qual è il nostro “manifesto”, i nostri riferimenti comuni tra L1 e L2?

In primo luogo mettiamo bambini e bambine al centro dell’apprendimento.
Facciamo libri che hanno ben presente il destinatario finale: ci rivolgiamo ai bambini e alle bambine, per rendere più accessibili i contenuti, per sfidare la loro curiosità e sete di sapere, per stimolare il loro coinvolgimento e la loro ricchezza interiore, per tenere acceso il loro sguardo. Riconosciamo infatti i tanti linguaggi dei bambini e delle bambine.
Riconoscere i linguaggi dei bambini e delle bambine significa avere ben presente il fatto che ogni bambino e ogni bambina ha una pluralità di linguaggi e una pluralità di stili di apprendimento, impara a diverse velocità, predilige diversi approcci, impara con le mani, facendo esperienze, impara giocando, impara leggendo, impara sognando, impara con il nuovo digitale, impara con la musica, impara con le foglie e con i sassi, sa esprimersi in mille linguaggi e comunica in mille diversi modi… Vogliamo tenere accesi i diversi modi di apprendere e di essere di ogni bambino e bambina. Riconoscere i linguaggi dei bambini significa riconoscere e rispettare questa diversità come ricchezza e questa pluralità. Può contribuire anche il libro di testo a questa alta finalità? Crediamo fortemente di sì. È il nostro modo migliore di pensare all’inclusione.

Vogliamo coltivare tutti i talenti e tutti i modi di apprendere, con libri e strumenti digitali inclusivi. Pensiamo ai nostri libri e al nostro digitale con attenzione e con la consapevolezza che arrivano in tutte, proprio tutte le famiglie, anche quelle che hanno meno possibilità di investire nell’educazione dei propri bambini. Tutti hanno talenti che possono essere sviluppati e coltivati grazie alla scuola e i nostri libri credono nella scuola con la S maiuscola che ha questa importante missione. Per questa ragione consideriamo fondamentale dare a tutti degli strumenti d’apprendimento di grande qualità: puntiamo sulla qualità dei contenuti e sulla qualità didattica.
La qualità e il miglioramento continuo dei nostri contenuti è fondamentale e non è un elemento scontato. Crediamo nell’innovazione e nella cultura pedagogica e realizziamo strumenti per apprendere (dal libro al digitale) sostenibili e curati in ogni dettaglio.

Valorizziamo il ruolo di maestre e maestri, orgogliosi ed entusiasti, e vogliamo essere al loro fianco, perché insegnare è una sfida continua. Ci piace far tesoro di tutti i suggerimenti e di tutte le idee che arrivano da maestre e maestri, ci impegniamo a creare strumenti utili per affrontare i nuovi mutevoli bisogni che arrivano dal mondo della scuola. Scommettiamo sul ruolo della scuola e dell’apprendimento per cambiare e costruire il mondo e renderlo migliore. Sappiamo e vogliamo che la scuola non sia solo un ambiente di apprendimento ma di vera crescita.

 

Barbara Bacchelli è direttrice di Scuola primaria e lingue moderne di Pearson. Coautrice di percorsi e guide didattiche e del Quaderno della Pearson Academy Inclusione a 360°.

Ti è piaciuto l’articolo?