Ingrandimenti, riduzioni in scala e similitudine

Percorso collegato all’Unità G10 del volume ETABETA. La matematica per tutti, di Gianfranco Bo.

ETABETA. Geometria 2° anno

Proponiamo un esempio di percorso didattico relativo al capitolo G10 Ingrandimenti, riduzioni in scala e similitudine mediante il quale è possibile organizzare la didattica a distanza.
Il testo di riferimento è disponibile per gli studenti sia sotto forma di libro digitale statico (READER+), sia sotto forma di libro liquido e costituisce una solida base dalla quale partire per condividere sia le pagine da studiare, sia le risorse digitali correlate.
Per semplificare il lavoro, i link qui forniti consentono l’attivazione diretta di tutti i materiali, che sono reperibili anche accedendo a My Pearson Place con il codice associato al volume.

Per cominciare: preparare i materiali

Da questo link è possibile scaricare il PDF delle lezioni. A partire del pdf, si possono catturare singole parti per inserirle in una presentazione in PPT.
Ricordiamo che è possibile registrare la propria voce sulle slide in PPT (scarica il PDF per vedere come fare) ed esportare un video da condividere con gli studenti nella modalità concordata con la scuola per erogare le lezioni a distanza.

Consigliamo di prevedere dei momenti di “lezione frontale” in formato video (in diretta o registrati), intervallati da momenti esercitativi o di confronto, come proposto di seguito per le lezioni considerate.

Unità G10. Ingrandimenti, riduzioni in scala e similitudine

Introduzione all’Unità

Nella prima pagina dell’unità è proposto il classico gioco di collegamento dei puntini, seguito da una “riduzione guidata”: i puntini nella figura 2 vanno uniti in modo da ottenere una figura con la stessa forma di quella della figura 1, ma ridotta. Le due figure forniranno lo spunto per iniziare a spiegare che cosa sono due figure simili. Questa attività è adatta anche per aprire una lezione a distanza: ad esempio si può chiedere agli studenti, attraverso una chat di classe, di disegnare i tracciati sul libro, farne una fotografia e condividerla con i compagni.
Si può inoltre registrare e condividere con gli studenti un breve audio in cui si chiede di riflettere sull’attività rispondendo alle seguenti domande sulla chat di classe:

1. Cosa puoi dire delle figure che hai ottenuto?
2. In che rapporto stanno i contorni della figura 2 e della figura 1?

[Far osservare che la lunghezza dei segmenti del contorno della figura 2 è tre quarti di quella dei segmenti del contorno della figura 1]

Lezione 1: ingrandire e ridurre in scala

L’attività Esplora Trasformazioni della F è un buono spunto per comprendere, molto praticamente, il concetto di riduzione in scala. Gli studenti devono essere invitati a riflettere sull’attività, anche provando a eseguire gli stessi ingrandimenti e riduzioni sul loro quaderno: si può far scegliere una lettera a ciascuno, poi chiedere di condividere le fotografie dei loro lavori.
La lezione continua con lo studio di esempi ed esercizio guida, prima di affrontare gli esercizi.

I problemi da 9 a 14 presentano una serie di casi di realtà nei quali è chiamato in gioco il cambiamento di scala. L’esercizio 15 è particolarmente adatto da assegnare allo studente che si trova a casa sua: ne possono scaturire anche spunti di interdisciplinarietà con Tecnologia.

Lezione 2: i problemi di base sui rapporti di scala

La lezione 2 approfondisce il concetto di rapporto di scala, applicandolo a situazioni reali. Particolarmente interessanti sono le attività sulle carte geografiche. Su questo argomento si può proporre agli studenti di studiare l’esercizio guida 4 sulla distanza fra città e di svolgere l’esercizio 12.

Lezione 3: i problemi di base sui rapporti di scala

La terza lezione prosegue l’argomento delle due precedenti, applicando le proporzioni allo studio dei disegni in scala.
Per sostenere lo studio autonomo dello studente, si può suggerire di visualizzare il VideoTutorial Campanile.

Se si sente l’esigenza di rinforzare i concetti appresi nelle tre lezioni presentate, sono disponibili esercizi ulteriori alle pp. G178-G185.

Per l’esercitazione e la verifica in autonomia

Al termine della lezione o di un gruppo di lezioni si possono orientare gli studenti all’utilizzo di una serie di strumenti multimediali, assegnabili di volta in volta al momento opportuno e accessibili dall’ITE (libro digitale).
Per l’esercitazione degli studenti è possibile assegnare i Test interattivi della sezione Allenamento Invalsi.

Per la verifica si può assegnare il Test interattivo di fine unità.

È possibile anche organizzare un percorso più sintetico e facilitato riferendosi ai contenuti del fascicolo Imparafacile (con l’audio di tutte le lezioni). È disponibile la trascrizione in 6 lingue.

Le verifiche semplificate ad alta leggibilità sono disponibili nella Guida docente.

E inoltre in My Pearson Place…

Invitiamo a esplorare tutti i materiali associati all’opera in adozione dalla pagina di ingresso al prodotto in My Pearson Place.

Da qui è possibile accedere, in particolare:
• all’intera Guida per il docente in formato PDF;
• a un ricco Crea Verifiche, con il quale comporre verifiche personalizzate, selezionando gli esercizi per argomento e il livello di difficoltà, ed esportando i file in formato .docx;
• al Didastore, dove, ad esempio, nell’Area docente sono disponibili le stesse verifiche fornite in Guida in formato editabile (docx) e nella sezione Palestra sono disponibili ulteriori batterie di test, tutti con autocorrezione.

La lezione è offerta dalla redazione di Pearson per le Scienze, il nuovo marchio editoriale per l'area scientifica della Scuola secondaria, nell'ambito del progetto Pearson Kilometro Zero, imparare e formarsi a distanza.

Scopri le altre iniziative del progetto >>
Scopri le altre lezioni di area scientifica >>