Il modellamento del paesaggio

Percorso collegato al Capitolo 8 del volume GeoLogica. Capire le Scienze della Terra, di Maurizio Santilli.

Capitolo 8 Il modellamento del paesaggio

Proponiamo un esempio di percorso didattico relativo al Capitolo 8 Il modellamento del paesaggio mediante il quale è possibile organizzare la didattica a distanza.
Il testo di riferimento è disponibile per gli studenti sia sotto forma di libro digitale statico (ITE), sia sotto forma di libro liquido e costituisce una solida base dalla quale partire per condividere sia le pagine da studiare, sia le risorse digitali correlate.
Per semplificare il lavoro, i link qui forniti consentono l’attivazione diretta di tutti i materiali, che sono reperibili anche accedendo a My Pearson Place con il codice associato al volume.

Per cominciare: preparare i materiali

Da questo link è possibile scaricare la lezione in Power Point, un unico file relativo all’intero capitolo, organizzato per paragrafi, che può essere adattato e modificato a proprio piacimento, eventualmente estrapolando i contenuti relativi a uno o più paragrafi.

Le slide contengono numerosi Suggerimenti per la lezione. Gli stessi suggerimenti sono contenuti nella Guida per il docente (da pagina 68 a 72), consultabile e scaricabile accedendo a My Pearson Place.

Ricordiamo che è possibile registrare la propria voce sulle slide in Power Point (scarica il PDF per vedere come fare) ed esportare un video da condividere con gli studenti sulla piattaforma scelta dalla classe/dalla scuola per erogare le lezioni a distanza.

Consigliamo di prevedere dei momenti di “lezione frontale” in formato video (in diretta o registrati), della durata massima di 10-15 minuti, intervallati da momenti esercitativi o di confronto, come proposto di seguito per i paragrafi considerati.

1 Il paesaggio deriva dalla combinazione di molti fenomeni

La lezione può iniziare facendo lavorare gli studenti sulle Figure 1 e 2. In merito alla Figura 1, si può chiedere loro: “Quali elementi, tra quelli visibili in ciascuna fotografia della Figura 1, appartengono rispettivamente alla geosfera, all’atmosfera, all’idrosfera e alla biosfera?”. (Risposta: Figura a: geosfera: ghiaia e blocchi rocciosi, rocce affioranti visibili sui versanti; atmosfera: nubi in lontananza; idrosfera: corso d’acqua, neve sui rilievi in secondo piano; biosfera: piante. Figura b: geosfera: rocce esposte in superficie, spiaggia; atmosfera: non vi sono elementi visibili; idrosfera: mare; biosfera: piante. Figura c: geosfera: rocce, sabbia; atmosfera: cielo in lontananza; idrosfera: non vi sono elementi visibili; biosfera: qualche pianta poco visibile in lontananza. Figura d: geosfera e idrosfera: non vi sono elementi visibili; atmosfera: cielo in lontananza; biosfera: piante.)
Per approfondire, si può far vedere la seguente Figura guidata, che illustra i rapporti esistenti tra paesaggio, processi endogeni e processi esogeni. Si può inoltre chiedere agli studenti di soffermarsi sulla figura e di rispondere alle seguenti domande:

• Quali elementi, tra quelli raffigurati, appartengono al ciclo dell’acqua? (Risposta: Nubi, precipitazioni, vento, ghiacciaio, lago, corso d’acqua, mare).
• Quali elementi, tra quelli raffigurati, appartengono rispettivamente alla geosfera, all’atmosfera, all’idrosfera e alla biosfera? (Risposta: Geosfera: diversi tipi di rocce del sottosuolo e della superficie. Atmosfera: nubi, precipitazioni e vento. Idrosfera: ghiacciaio, lago, corso d’acqua, mare. Biosfera: la colorazione verde sulle terre emerse rappresenta la vegetazione).

Un’ulteriore domanda su questo argomento può essere: “Considerando l’insieme di tutti i paesaggi della superficie terrestre, quali processi esogeni mancano, secondo te, in quelli sottomarini?”.
Le risposte alle domande possono essere condivise con l’insegnante, che può commentarle avvalendosi delle slide in Power Point relative alle pagine 176 e 177 del libro di testo.

2 Gli agenti atmosferici sono i principali responsabili della degradazione meteorica delle rocce

Le slide in Power Point continuano a guidarci nella lezione e molte fotografie forniscono una bella contestualizzazione dell’argomento sul territorio italiano. Per arricchire la spiegazione, si consiglia di leggere e commentare i Suggerimenti per la lezione presenti nelle singole slide in Power Point.

3 Nel suolo convivono tutte le sfere della Terra

Questo paragrafo descrive le principali caratteristiche del suolo e ha l’obiettivo di far comprendere agli studenti i processi e i fattori della pedogenesi. Per integrare la spiegazione dell’insegnante, gli studenti possono innanzitutto guardare il VIDEO Alla ricerca di acqua nel suolo. Mentre studiano la composizione del suolo, possono rispondere alla domanda proposta dal box Allena le competenze di pagina 181, che può attivare un interessante dibattito sulle possibili conseguenze del cambiamento climatico. Tale dibattito può essere integrato grazie alle informazioni fornite dalla scheda Il suolo: una risorsa vitale a rischio.

Per aiutare gli studenti nella comprensione del processo di formazione del suolo, li si può invitare a guardare la Figura 12 guidata e a rispondere alle relative domande, motivando la risposta.

Se nella classe ci sono degli studenti che hanno un giardino o un orto privato, si può affidare loro una delle seguenti attività di autovalutazione del suolo (a cura del Ministero dell’Ambiente). Gli studenti possono documentare con video e fotografie il proprio lavoro sul campo, preparando una presentazione per i compagni che ne illustri le varie fasi e i risultati.

Se interessati al CLIL, si può chiedere di completare il box English Break (pag. 183) e di rispondere alle domande in lingua inglese.

4 La gravità agisce sempre e ovunque

La lezione può iniziare con la proiezione delle slide in Power Point e la relativa spiegazione da parte del docente. Osservando la Figura 16, può essere utile fare un confronto con le condizioni iniziali del versante cercando in Internet una fotografia che mostri la situazione esistente prima della frana. Per approfondire, si potrebbe inoltre chiedere agli studenti di fare una ricerca sulle frane in Italia. A tal proposito, si rimanda alla scheda Un paese in dissesto (pagine 204 e 205) e alla visione del VIDEO Piogge e stabilità dei versanti.

5 Le acque correnti superficiali sono il più importante agente di modellamento del paesaggio

La lezione prosegue illustrando agli studenti l’importanza delle acque superficiali come agente di modellamento del paesaggio. Le slide in Power Point continuano a guidarci nella lezione e le fotografie forniscono una bella contestualizzazione dell’argomento sul territorio italiano.
Per ragionare sul processo erosivo e sull’evoluzione dei paesaggi, è interessante la domanda del box Allena le competenze di pagina 188, che si riferisce alla Figura 22b. Uno spunto di approfondimento per gli studenti potrebbe consistere nel chiedere loro di cercare le aree protette che in Italia tutelano calanchi e piramidi di terra. Potrebbe essere interessante ragionare sui motivi per cui è importante tutelare il paesaggio.

A partire dalla Figura 27 si possono fare una serie di ragionamenti di tipo interdisciplinare, con collegamenti a discipline quali la storia, la geografia, l’economia. Si può chiedere, per esempio: “Perché il delta del Nilo appare di un verde che risalta rispetto ai colori del territorio circostante?”. Per integrare la spiegazione relativa ai delta fluviali, si consiglia la visione del VIDEO L’evoluzione dei delta fluviali.

Per proseguire con ragionamenti sulla relazione esistente tra uomo e dinamica del paesaggio, osservando la Figura 29, che illustra l’evoluzione dei meandri fluviali, si può chiedere: “È possibile impedire che i territori intorno a un meandro, per esempio i campi in primo piano, nella fotografia, vengano intaccati dall’erosione operata dal fiume? Se sì, come?”. (Risposta: Sì, costruendo degli argini che ostacolino l’azione del fiume. Per esempio, si possono accatastare grandi massi lungo la sponda esterna di un meandro creando una scogliera). Anche il box Allena le competenze presente a pagina 192 può aiutare a riflettere sulla dinamica del processo.

Se si è interessati al CLIL, si può chiedere agli studenti di completare il box English Break presente a pagina 190 e di rispondere alle domande relative al paragrafo in oggetto.

6 L’azione solvente dell’acqua è all’origine del carsismo

La trattazione di questo paragrafo può essere intervallata dalla visione della Figura 31 guidata e gli studenti possono rispondere alle relative domande.

Per approfondire, anche in questo caso si può chiedere agli studenti di fare una ricerca sulle principali grotte carsiche presenti in Italia.

7 I ghiacciai lasciano tracce indelebili nel paesaggio

Le slide in Power Point continuano a guidarci nella lezione e le fotografie forniscono una bella contestualizzazione dell’argomento sul territorio italiano.
Anche in questo caso è importante che gli studenti imparino a riflettere sull’evoluzione dei processi e sulle loro conseguenze. A questo proposito, sono d’aiuto i box Allena le competenze presenti a pagina 196 e 198.

Un tema attuale da affrontare con gli studenti riguarda il ritiro dei ghiacciai a causa del riscaldamento globale. A questo proposito, si consiglia di consultare il sito dell’ESA, che propone un esercizio interessante per misurare il ritiro del ghiacciaio del Rodano, in Svizzera, attraverso il confronto tra cartine risalenti ad anni passati e immagini satellitari recenti.

Per approfondire, si consiglia anche di consultare la sezione del sito web della Società Meteorologica Italiana dedicata alla glaciologia, su cui sono presenti numerosi dati sulla situazione dei ghiacciai alpini. 

Se si è interessati al CLIL, si può chiedere agli studenti di completare il box English Break accessibile tramite questo link e di rispondere alle domande relative al paragrafo in oggetto.

8 Il vento è molto efficace dove manca la vegetazione

Questo paragrafo può essere facilmente trattato dall’insegnante attraverso l’uso delle slide in Power Point, poiché è molto breve. Si consiglia pertanto di accorpare questa spiegazione con quella del paragrafo successivo, dedicato all’azione del mare.

Interessante è la domanda presente nel box Allena le competenze di pagina 200, che fa ragionare sul confronto di forme del paesaggio.
Uno stimolo di approfondimento può riguardare l’ambiente desertico: si può chiedere agli studenti di fare una piccola relazione sui diversi tipi di deserti e sulle aree geografiche in cui si trovano i deserti nel mondo.

Se si è interessati al CLIL, si può chiedere agli studenti di completare il box English Break accessibile tramite questo link e di rispondere alle domande relative al paragrafo in oggetto.

9 Il mare modella il paesaggio costiero

Per fornire uno spunto di attualità allo studio di questo paragrafo, si può chiedere agli studenti di consultare il report sull’erosione costiera in Italia, a cura del Ministero dell’Ambiente. Si possono confrontare i dati forniti nelle tabelle oppure si possono analizzare le carte che illustrano le variazioni della linea di costa e, se si abita lungo la costa, si può contestualizzare il discorso al proprio territorio. 

Per comprendere meglio l’evoluzione di una falesia, si può visionare la Figura 45 guidata. Inoltre, si può chiedere agli studenti: 1) Perché le frane che caratterizzano l’evoluzione di una falesia appartengono prevalentemente alla categoria delle frane di crollo? 2) Che cosa dovrebbe succedere per rendere di nuovo attiva la falesia morta dell’immagine 3?

Come già esplicitato in precedenza, si consiglia di accorpare la spiegazione di questo paragrafo con quello precedente.

Per il ripasso e la verifica in autonomia

Al termine della lezione o di un gruppo di lezioni lo studente può avvalersi di una serie di strumenti multimediali per il ripasso e la verifica, assegnabili di volta in volta al momento opportuno e accessibili dall’ITE (libro digitale).

Per il ripasso sono disponibili sia l’Audioripasso sia la Mappa del capitolo.

Per l’autoverifica è disponibile la Verifica interattiva di fine capitolo.

Se non lo si è già fatto nel corso della lezione, si può chiedere agli studenti di svolgere le attività proposte nei box Allena le competenze e Preparati alla verifica.

E inoltre in My Pearson Place…

Invitiamo a esplorare tutti i materiali associati all’opera in adozione dalla pagina di ingresso al prodotto in My Pearson Place.

Da qui è possibile accedere, in particolare:
• all'intera Guida per il docente in formato PDF;
• a un ricco Crea Verifiche, con il quale comporre verifiche personalizzate, selezionando gli esercizi per argomento e il livello di difficoltà, ed esportando i file in formato .doc;
• al Didastore, dove ad esempio, nell’Area docente, sono disponibili le stesse verifiche fornite in Guida in formato editabile (.doc).

La lezione è offerta dalla redazione di Pearson per le Scienze, il nuovo marchio editoriale per l'area scientifica della Scuola secondaria, nell'ambito del progetto Pearson Kilometro Zero, imparare e formarsi a distanza.

Scopri le altre iniziative del progetto >>
Scopri le altre lezioni di area scientifica >>