Convegno nazionale di studio e formazione Pearson Academy

Cagliari, Convitto Nazionale "Vittorio Emanuele II"
28 marzo 2020, 9.00-16.30

Attenzione: l'evento è rinviato in ottemperanza alle indicazioni delle autorità per contenere la diffusione del coronavirus. Nei prossimi giorni comunicheremo a tutti gli iscritti la nuova data del convegno.

 

Tematiche del convegno

La scuola italiana ha un rilevante problema di equità ed è per questo che l’inclusione si è imposta come un tema centrale. Ma l’inclusione non si riduce ai pur necessari strumenti compensativi e dispensativi: inclusione significa valorizzazione di tutti i talenti, e richiede perciò un approccio che investa la gestione della classe, la didattica differenziata, l’attenzione alle differenze di genere, lo sviluppo di atteggiamenti prosociali.

Come fare inclusione sviluppando comunità di apprendimento: è questa la riflessione, fra elementi teorici ed esempi concreti, che Pearson propone ai docenti nel corso di Ognuno è speciale. Includere, valorizzare i talenti, gestire la classe, organizzato nell'ambito dell'iniziativa Pearson Teachers Days: aggiornarsi, formarsi, condividere.

 

 

Il programma del convegno

9.00 - 10.00
Registrazione dei partecipanti e saluto della casa editrice Pearson

10.00 - 10.45
Elena Zanfroni
Includere e personalizzare. Perché ci vuole una didattica differenziata
Leggi l'abstract >>

10.45 - 11.30
Carlos Alberto Melero Rodríguez
Le buone parole. Per un’educazione linguistica inclusiva e accessibile
Leggi l'abstract >>

11.30 - 12.15
Fabio Caon
Ponti di parole. La comunicazione interculturale in classe: includere gli studenti di cittadinanza non italiana e favorire le abilità relazionali
Leggi l'abstract >>

12.15 - 14.15
Spazio Domande & Risposte e intervallo

14.15 - 15.00
Federica Cicu & Elisabetta Jankovich
Narrazioni corporee. Psicomotricità e teatro per favorire il benessere a scuola
Leggi l'abstract >>

15.00 - 15.45
Antonella Accili
L’alunno al centro. La sperimentazione MODi MOF
Leggi l'abstract >>

15.45 - 16.30
Stefano Rossi
Cuori intelligenti.
Imparare insieme con le card dell’empatia
Leggi l'abstract >>

 

Abstract degli interventi e biografie dei relatori

Elena Zanfroni

Docente di Pedagogia speciale e membro del consiglio direttivo di CeDisMa – Centro di studi e ricerche per la Disabilità e la Marginalità –  presso l'Università Cattolica del Sacro Cuore

10.00 - 10.45
Includere e personalizzare. Perché ci vuole una didattica differenziata
Come riuscire oggi a proporre percorsi educativi e didattici che possano essere efficaci per tutti gli studenti, nonostante l’elevata eterogeneità che caratterizza ogni contesto e grado scolastico? La complessità delle esigenze personali di ciascun alunno riguarda spesso solo marginalmente gli alunni con deficit. Al contrario, le difficoltà di apprendimento, il disagio socio-economico, i problemi comportamentali o emotivi, l’immigrazione di seconda generazione fanno della particolarità delle esigenze educative la regola, non l’eccezione. Differenziare i percorsi pedagogico-didattici diventa allora l’unica risposta possibile per cogliere la sfida lanciata alle nostre istituzioni dall’inclusione: non fare semplicemente posto alle differenze per integrarle, ma affermarle, valorizzarle, farne il focus dell’azione educativa.

Carlos Alberto Melero Rodríguez

Docente di Spagnolo e Responsabile del Gruppo di Ricerca DEAL – Differenze Evolutive e Accessibilità nell'apprendimento Linguistico – presso l’Università Ca’ Foscari di Venezia

10.45 - 11.30
Le buone parole. Per un’educazione linguistica inclusiva e accessibile
Nell’intervento si illustreranno i principi dell’educazione linguistica accessibile-inclusiva e si offriranno alcuni esempi su come raggiungere la massima inclusività nelle lezioni di lingue in classi eterogenee sotto diversi punti di vista.

Fabio Caon

Professore associato di Lingue e di Comunicazione interculturale e Direttore del Labcom – Laboratorio di Comunicazione interculturale e didattica – presso l’Università Ca’ Foscari di Venezia. 

11.30 - 12.15
Ponti di parole. La comunicazione interculturale in classe: includere gli studenti di cittadinanza non italiana e favorire le abilità relazionali
Le classi odierne sono caratterizzate da un aumento dei fattori di eterogeneità. In particolare, la presenza di alunni di cittadinanza non italiana comporta una complessità linguistico-culturale che ricade sul piano metodologico oltreché normativo e valutativo. La possibilità di trasformare tale complessità in problema o risorsa è anche legata ad alcune scelte didattiche che saranno oggetto dell’intervento. In particolare si vedrà il legame tra la dimensione teorica e le coerenti proposte operative.

Elisabetta Jankovich e Federica Cicu

Insegnante, redattrice e conduttrice radiofonica, autrice di testi (teatrali e non) per l'infanzia.

Psicomotricista, Terapista della Neuro e Psicomotricità dell'Età Evolutiva e Formatrice

14.15 - 15.00
Narrazioni corporee. Psicomotricità e teatro per favorire il benessere a scuola
Partendo dalla riflessione sul gioco simbolico, forma primordiale del teatro, l’intervento si articola su due piani, teorico e metodologico, in relazione a come il teatro, nell’ambito scolastico, sia in grado di valorizzare la creatività del singolo e le sue potenzialità nel gruppo e come possa diventare strumento inclusivo di apprendimento. Il “fare teatro” infatti significa vivere un’esperienza collettiva, dove corpo e parola di studenti e insegnanti sono in costante ascolto e dove, attraverso diversi linguaggi espressivi, ogni singolo studente può raccontarsi giocando il suo ruolo all’interno del gruppo.

Antonella Accili

Dirigente scolastico presso l'Istituto Comprensivo di Piandimeleto (PU).

15.00 - 15.45
L’alunno al centro. La sperimentazione MODi MOF
La rete sperimentale MODi MOF coinvolge tutti gli ordini di scuola, unica in Italia. La sezione MOF in particolare presenta un modello organizzativo didattico funzionale ispirato alla scuola finlandese. Dalla compattazione oraria all’innovazione didattica fino al rinnovamento dell’ambiente di apprendimento: far star bene l’alunno a scuola, metterlo al centro di ogni scelta della scuola, equivale a promuovere una didattica davvero inclusiva, valorizzare talenti e peculiarità di ognuno, recuperare il disagio, contrastare l’abbandono scolastico precoce nascosto ed evidente, promuovere le competenze. E vuol dire anche far star bene i docenti a scuola.

Stefano Rossi

Psicopedagogista, autore e formatore, Direttore del Centro Didattica Cooperativa e ideatore del Metodo Rossi della Didattica Cooperativa.

15.45 - 16.30
Cuori intelligenti. Imparare insieme con le card dell’empatia
Le Card dell’Empatia sono un nuovo strumento del Metodo Rossi composto di storie, discussioni cooperative e mini-compiti di realtà per formare cuori intelligenti e menti critiche. Perfette per educare i cittadini di domani.

 

Acquista
Prezzo a persona: 79 €

Carta del Docente

Acquista subito >>

Carta di credito

Acquista subito >>

Attenzione: l'evento è rinviato in ottemperanza alle indicazioni delle autorità per contenere la diffusione del coronavirus. Nei prossimi giorni comunicheremo a tutti gli iscritti la nuova data del convegno.

 

Informazioni utili

Il convegno si terrà sabato 28 marzo, dalle 9.00 alle 17.00, presso il Convitto Nazionale “Vittorio Emanuele II”, via Cesare Pintus, a Cagliari.

L'evento è presente su S.O.F.I.A.: ID 41258.

Per maggiori informazioni contatta la tua Agenzia di zona Filippo Zoccheddu milibrosnc@gmail.com (tel. 3483332807).

Pearson Academy è ente accreditato dal MIUR quale soggetto che offre formazione certificata al personale della scuola (AOODGPER12676). Siamo presenti sulla piattaforma S.O.F.I.A. Per chi completa il corso e supera tutte le attività con almeno la sufficienza, è previsto il rilascio dell’attestato di partecipazione.