Il Social Reading nel curriculo delle discipline giuridico-economiche

Un innovativo progetto didattico di lettura condivisa

SCUOLA SECONDARIA DI SECONDO GRADO

Nello studio delle discipline giuridiche ed economiche è fondamentale che gli studenti imparino ad analizzare le fonti con occhio attento. Nella “sala di lettura digitale” gli studenti avranno a disposizione testi di carattere normativo e non solo, sui quali saranno sollecitati a effettuare una lettura critica e condivisa di un testo originale, dando vita a un confronto proficuo, che può riguardare anche la valutazione delle intenzioni e delle sensibilità dell’autore.

Che cos’è il progetto Pearson Social Reading?

Il progetto Pearson Social Reading nasce da una partnership tra Pearson e Betwyll e propone un approccio di insegnamento innovativo, costituito da uno strumento digitale di nuova generazione combinato con metodologie che riflettono i cambiamenti in atto nella didattica.
Il Social Reading è una pratica di lettura condivisa attraverso la quale gli studenti con i loro docenti, in un ambiente digitale dedicato, possono leggere insieme un testo, commentarlo e discuterlo secondo le regole e le dinamiche tipiche dei social network: un ambiente familiare con cui gli studenti interagiscono ogni giorno. Tutto questo mentre si utilizza il dispositivo preferito dello studente, lo smartphone, che di conseguenza diventa uno strumento di apprendimento anziché una fonte di distrazione.

Le logiche e i vantaggi della lettura sociale

Per molti studenti la lettura è un’esperienza solitaria e non coinvolgente. Il Social Reading consente invece agli insegnanti di attivare strategie di motivazione, in grado di suscitare curiosità e interesse.
Come avviene in concreto? È necessario innanzitutto che gli studenti scarichino l’app Pearson Social Reading. Gli insegnanti invitano la classe in una “sala di lettura” digitale, dove Pearson pubblica un testo condiviso. Durante un periodo di tempo delimitato, gli studenti interagiscono mentre leggono, stimolati dai commenti (o twyll) che compaiono a lato del testo, condividendo e scambiando suggerimenti, impressioni, idee pertinenti all’argomento dell’attività. Ciò crea un interesse spontaneo, promuovendo le capacità di comprensione e le competenze trasversali, come il pensiero critico.
Gli studenti sono tenuti a leggere un testo con attenzione e quindi devono impegnarsi in una lettura profonda e personale rispetto alla tradizionale “lettura digitale”, che può essere fonte di distrazione. Viene inoltre prestata attenzione al modo in cui si esprimono, migliorando così le capacità di scrittura e di espressione.
La lettura sociale può essere un’ottima esperienza di apprendimento digitale a distanza, oppure può essere svolta con un approccio misto, che include momenti in presenza di lavoro e valutazione all’interno della classe.
Il Pearson Social Reading prevede un approccio interdisciplinare, che abbraccia tutte le materie scolastiche. Si tratta di un progetto collaborativo e promuove l’inclusione, in quanto l’app incorpora strumenti di lettura pensati appositamente per gli studenti con bisogni educativi speciali.

Il Social Reading nel curriculo delle discipline giuridico economiche

Attraverso il progetto Pearson Social Reading gli studenti hanno l’occasione di affrontare importanti temi del mondo contemporaneo, come lo sviluppo sostenibile, la salvaguardia dell’ambiente alla luce dei cambiamenti climatici, la cittadinanza attiva, tenendo sempre a fuoco i principi sanciti dalla nostra Carta costituzionale.
La riflessione condivisa e lo scambio di idee consentono non solo di attivare l’interesse dei giovani lettori, ma anche di sviluppare un metodo basato sulla comunicazione e sul dialogo, in un’ottica di responsabilità reciproca e rispetto delle idee altrui. In tal senso, il Social Reading si presta a un utilizzo proficuo e motivante, con forti caratteri di interdisciplinarità, nell’ambito della nuova materia Educazione civica.
Nello studio delle discipline giuridiche ed economiche è inoltre fondamentale che gli studenti imparino ad analizzare le fonti con occhio attento. Nella “sala di lettura digitale” i ragazzi avranno a disposizione testi di carattere normativo e non solo, sui quali saranno sollecitati a effettuare una lettura critica, sviluppando poi un percorso di riflessione. La lettura condivisa di un testo originale, quindi di una fonte autentica, consente un confronto proficuo, che può riguardare anche la valutazione delle intenzioni e delle sensibilità dell’autore del testo e questo tipo di prospettiva di analisi è particolarmente interessante per gli studi giuridici ed economici.
Il Pearson Social Reading consente infine agli studenti di migliorare le proprie competenze digitali, nell’ottica dell’utilizzo dei dispositivi in un contesto educativo. Leggendo e rispondendo ai twyll imparano a interpretare le informazioni in linea e a comunicare idee, contribuendo in modo attivo a una comunità online in cui si attivano positivi processi di apprendimento e di costruzione della cittadinanza digitale.

 

«… voi giovani alla Costituzione dovete dare il vostro spirito, la vostra gioventù, farla vivere, sentirla come vostra, metterci dentro il senso civico, la coscienza civica…»

Dal discorso di Piero Calamandrei sulla Costituzione agli studenti di Milano, 26 gennaio 1955
 

Pearson Social Reading with Betwyll

Il progetto Pearson che avvicina i ragazzi al piacere della lettura sfruttando le dinamiche dei social network!

Visita la pagina dedicata >>
Iscriviti al gruppo Facebook Pearson Social Reading with Betwyll >>