Lo sguardo dentro. Un viaggio nelle emozioni

Il primo progetto di Social Reading per la scuola secondaria di primo grado

Il percorso propone un viaggio nel mondo cangiante delle emozioni. Rabbia, gioia, tristezza, noia, paura, meraviglia… Le emozioni sono per loro natura sfuggenti: perciò è importante imparare a riconoscerle e a raccontarle, saperle gestire, farne veicolo di scoperta di sé stessi e degli altri. Sviluppando l’intelligenza emotiva, in modo armonico con la razionalità, coltiviamo una risorsa essenziale per stare bene e avere successo in ciò che desideriamo. Le letture portano i lettori e le lettrici a scoprire che nessuna emozione è totalmente positiva o negativa: anche nei colori più foschi della nostra mente si nasconde una luce.

Il percorso è stato progettato in dialogo con le più recenti proposte editoriali ed in particolare con la nuova Antologia Parole per crescere. Letture per il cuore e per la mente

Aree disciplinari interessate: insegnanti di Lettere della Scuola secondaria di primo grado. 

Quando si legge: Dal 28 marzo fino al 30 aprile, ma il percorso rimarrà disponibile in app fino al termine dell'anno scolastico per permettere la conclusione delle attività.

Come partecipare: guarda il videotutorial>>

Ti piacerebbe saperne di più?

RIVEDI IL WEBINAR

LO SGUARDO DENTRO. Un viaggio nelle emozioni

Il primo progetto di Social Reading per la scuola secondaria di primo grado

Con Maria Vittoria Alfieri, Chiara Colonna e Orietta Pozzoli

I brani selezionati per la lettura

Le letture selezionate sono pensate per stimolare studenti e studentesse a costruire un proprio alfabeto emotivo fondamentale, attraverso testi di genere diverso: le emozioni sono all’origine delle grandi narrazioni del passato e continuano ad alimentare la letteratura del presente, oltre a interrogare filosofi e scienziati, che vi vedono un appassionante campo di indagine.

Le prime due emozioni afforntate in questo percorso di lettura sperimentale sono la paura e la gioia.

Nella palude, Charles Dickens

Per raccontare la paura abbiamo scelto l'incipit del romanzo Grandi speranze di Charles Dickens, nel quale il giovane protagonista Philip Pirrip, detto Pip, è nel cimitero del paese. Pip ha paura perché si sente solo, l'atmosfera è inquietante, e a un tratto dalla nebbia emerge uno sconosciuto. Insomma, ci sono in questa pagina tutti gli elementi tipici di una narrazione che vuole suscitare paura: buio, solitudine, e il pericolo rappresentato da un personaggio misterioso...

Sonno profondo, Banana Yashimoto

Siamo in Giappone, a Kyoto. Durante una festa tradizionale la giovane protagonista vuole assistere con il suo innamorato allo spettacolo dei fuochi d’artificio. C’è una gran folla e i due rischiano di non arrivare sulla riva del fiume, dove stanno andando tutti per vedere meglio. Ma la giovane non si scoraggia, si alza sulle punte dei piedi, e quando i primi fuochi illuminano il cielo, sente dentro di sé come una piccola onda di resurrezione… La protagonista ha appena perso un’amica, fino a un momento prima si sentiva stanca, ferita. All’improvviso ha la sensazione netta, esplosiva addirittura, che la vita è bella, che vale la pena esserci, per gustare un istante perfetto come quello spettacolo. Naturalmente non sono i fuochi, da soli, a determinare l’emozione, ma è il fatto di condividere con tante persone l’eccitazione dell’attesa, e poi la meraviglia, la riscoperta, chiara e immediata, della bellezza. È il fatto di essere vicini a qualcuno a cui si vuole bene.

Scopri Parole per crescere

Il percorso Lo sguardo dentro è stato progettato in dialogo con le più recenti proposte editoriali 2022/2023 ed in particolare con la nuova Antologia Parole per crescere. Letture per il cuore e per la mente.
Orietta Pozzoli, che fa parte del team di autrici del manuale, è anche l'ideatrice del percorso di Social Reading, che proponiamo tra i nuovi strumenti didattici per sperimentare modalità innovative per motivare studentesse e studenti alla lettura.

Informazioni utili

Ti piacerebbe ricevere maggiori informazioni? 
Contatta il tuo Agente di zona!

Hai bisogno di aiuto?
Consulta le FAQ oppure contatta il nostro team di supporto!

Immagini © Shutterstock/CreativeAngela; Shutterstock/Kolabava Nadzeya